Annamaria Ajmone a “Grey space”, piattaforma digitale sperimentale

“Grey Space” è il nuovo progetto sperimentale di M1 Contact Contemporary Dance Festival, Singapore: otto artisti asiatici e un’europea, Annamaria Ajmone di Crossing the sea, si incontrano online per sperimentare uno scambio pratiche attraverso il digitale, riflettendo insieme sulle sfaccettature e le contraddizioni della contemporaneità.
Le cinque giornate di residenza digitale sono state moderate da Anthea Seah, artista associata di T.H.E Dance Company, e si sono concluse con una discussione pubblica sui temi del “coat-shifting”, dell’identità e della propria percezione nell’interspazio di un mondo così globalizzato.
Prossima tappa: residenza creativa a Singapore nel 2022 per gli artisti coinvolti, con la possibilità di definire co-produzioni internazionali per il 2023.

Gli artisti e le realtà partner di progetto:

  • Reisa Shimojima (Japan) – Odoru Akita International Dance Festival
  • KT Yau (Hong Kong) – Hong Kong Dance Exchange (H.D.X)
  • Tracy Wong (Macau) – Contemporary Dance Exchange (CDE) Springboard
  • Annamaria Ajmone (Italy) – Crossing the Sea
  • Moh Hariyanto (Indonesia) – Indonesian Dance Festival
  • Pakhamon Much Hemachandra (Thailand) – Bangkok International Performing Arts Meeting (BIPAM)
  • Nguyen Chung (Vietnam) – Arabesque Dance Company
  • Billy Keohavong (Australia/Laos) – Form Dance Projects, Sydney, Australia
  • Zunnur Zhafirah (Singapore/Australia) – M1 CONTACT Contemporary Dance Festival / Perth Festival

Photo: Crispian Chan | Design: Zelda Chua